MASSAGGIO THAI

 

 

 


Uno dei massaggi più completi oggi è il "THAI".
Non quello delle massaggiatrici orientali, che nella cornice dei grandi alberghi internazionali soddisfano turisti in cerca di emozioni proibite.
Il vero massaggio Thailandese (Naud-Boran), è stato tramandato nella sacralità dei templi, preservando intatta nei secoli la geniale sequenza delle manovre di manipolazione articolare e la stimolazione dello scorrimento di energia vitale attraverso il corpo.
Praticare il "THAI" significa mettere in atto tutta una serie di metodiche di lavoro sul corpo, che non si limitano ad un'amplificazione di massaggio nel senso che si attribuisce correttamente a questa parola. È qualcosa di molto più ampio che trascendere le semplici manualità di sfioramento, percussione e battitura. È una vera e propria terapia fisica che si basa sulla tradizione di una filosofia antichissima.
In accordo con la formula "Salute-Bellezza" il massaggio "THAI" diventa una vera e propria terapia di bellezza, da un punto di vista pratico e operativo possiamo definirlo un amalgama di diverse tecniche derivate dall'antica Ayuverda, dalla medicina cinese Shiatsu, e volendo la fitoterapia.
Si parte da una stimolazione dei punti disseminati lungo le linee energetiche che possiamo vagamente assimilare a quelle dello Shiatsu, in più viene eseguita in una sequenza preordinata e ben precisa, tutta una serie di sblocchi e stiramenti di muscoli e tendini.
Il massaggio viene effettuato su un morbido tappeto ed è necessario che il cliente indossi una comoda tuta ginnica per evitare il contatto con la pelle del terapista. Anche attraverso la tuta il terapista saprà individuare le linee ed i punti da stimolare lavorando con lentezza e sempre in armonia con i ritmi della respirazione.

 

 

 


Chi Siamo - Dove Siamo - Come contrattarci - Seminari

La Storia - Reflessologia Plantare - Tecnica metamorfica

Massaggio Thai - Reiky - Linfodrenaggio - I Fiori di Bach - Moxa